follow me
           
40x40 facebook242x42 YouTube40x40 soundcloud
Stacks Image 635
Unknown Shores

João Pedro Viegas
Luiz Rocha
Silvia Corda
Adriano Orrù

2019, Amirani Records
Unknown Shores

I’ve listened to this album and it’s beautiful.
Being a person of few words, I could just leave it at that if it weren’t for the fact that the musicians, friends of mine, (somewhat imprudently) asked me to write the liner notes.
This is an album of improvised music. Just writing that fills me with concern. Indeed many people are convinced that improvised music means picking up an instrument and churning out the first thing that comes to mind.
That isn’t quite how it works.
To try and explain what happens I played about with the titles of the tracks that form this wonderful collection. I believe they have something to tell us.

01_The Significance Was Carefully Hidden
Question: what does this music say? What is its meaning?
Answer: I don’t know. But I know it’s there, even if it can’t be seen. It’s hidden somewhere like a cheeky elf, waiting to be found. Perhaps there is more than one, and each of us is free to choose their own... but first we must learn to grasp it, because it’s fleeting: a whisper that tells us there was nothing to be revealed, it was there all along.

02_Manual De Conversação
Like a group of people gathered around a table engaged in a textbook conversation: listening, never speaking too much nor too little, not shouting, when necessary saying nothing, without dominating, leaving space for others, using clear and precise words. Like the ones we hear here. In our case the table is the recording studio, or the stage.
Improvisation means communication.

03_Des Pas Sans Neige
A furtive walk in the woods, with light and confident steps. With or without snow, even if invisible, footsteps leave a trail on the ground that invites us to follow it, to avoid getting lost.

04_Dato Per Assodato
We who blow, pluck and shake our instruments know that you must never take anything for granted, not all improvisation works out, it’s a risk that must be accepted.
But this is not the case here: we are served something to truly relish.

05_A Shady Threshold
To paraphrase Steve Lacy, the courage to cross the threshold, to throw yourself into the unknown. Without forgetting to take with you all the wealth of experience collected and elaborated over the years.

06_Four Portraits Of The Same Portrait
João Pedro Viegas, Luiz Rocha, Silvia Corda, Adriano Orrù.
Four excellent musicians, four strong personalities precisely because they are consciously united in a common dimension. Nobody here plays for themself. There is a guiding thread throughout the entire album, a collective listening, a breath that reminds us that music is a game: it means happiness, freedom and sharing.

07_Broken Affirmations
Doubt is the origin of wisdom. Dubium sapientiae initium. (René Decartes)

08_Refractions
When the sound is central, music lights up and flows light and airy.

09_Unknown Shores
Explorers of unknown lands.
In 1993 I formed a group, with Filippo Monico and Giancarlo Nino Locatelli that regularly got together to investigate, through practice, the key elements of improvisation. The group was called “Takla Makan”, the name of a vast Chinese desert that literally means “once in, there is no turning back”.
And that is exactly what happened to all those of us who unfortunately caught the bug of improvised music.

10_
Follow the white rabbit

Massimo Falascone
- - - - - - - - - - - - - - - -
Unknown Shores

Ho ascoltato questo disco ed è molto bello.
Essendo io tendenzialmente persona di poche parole, potrei anche chiuderla qui, se non fosse che gli amici che vi suonano mi hanno (incautamente) chiesto di scrivere le note di copertina.
Questo è un disco di musica improvvisata. Lo dico e già mi pare di sentire una certa preoccupazione. Molte persone infatti sono convinte che improvvisare significhi prendere uno strumento, mettersi lì e fare la prima cosa che viene in mente.
Non funziona esattamente così.
Per provare a spiegare cosa succede mi sono messo a giocare con i titoli dei brani che compongono questo magnifico lavoro, perché credo che abbiano qualcosa da dirci.

01_ The Significance Was Carefully Hidden
Domanda: cosa vuol dire questa musica? Qual’è il suo significato?
Risposta: non lo so. Ma so che c’è, anche se non si vede. Gli piace nascondersi, è un folletto dispettoso e si trova lì, da qualche parte. Forse ce n’è più di uno, e ciascuno di noi è libero di scegliersi il proprio… prima però bisogna imparare a coglierlo al volo, perché è un soffio, un sussurro che ci dice: non c’era niente da capire, stava già tutto lì.

02_ Manual De Conversação
Ovvero come un gruppo di persone, ritrovandosi intorno a un tavolo, riuscirà a condurre una conversazione da manuale. Nel nostro caso il tavolo è lo studio di registrazione, o il palco.
Ascoltare, non parlare troppo ma neanche troppo poco, non urlare, quando è il caso sottrarsi, non sovrastare, lasciare spazio, esprimersi con parole chiare e precise. Come quelle che si ascoltando qui.
Improvvisazione uguale comunicazione.

03_ De Pas Sans Neige
Una passeggiata nei boschi, con passi felpati, leggeri e sicuri. Con o senza neve, anche se invisibili le impronte sul terreno tracciano un percorso, e ci invitano a seguirle, per non perdersi.

04_ Dato per assodato
Noi che soffiamo, pizzichiamo, percuotiamo i nostri strumenti, sappiamo che non bisogna dare mai niente per scontato, non tutte le improvvisazioni riescono col buco, è un rischio che si deve accettare.
Ma qui, ragazzi, non c’è problema, qui si gustano piatti prelibati.

05_ A Shady Threshold
Parafrasando Steve Lacy, il coraggio di varcare la soglia, di lanciarsi verso l’ignoto. Senza scordarsi di portare con sé tutto il bagaglio di esperienze che negli anni si è raccolto ed elaborato.

06_ Four Portraits Of The Same Portrait
João Pedro Viegas, Luiz Rocha, Silvia Corda, Adriano Orrù.
Quattro bravissimi musicisti, quattro personalità forti proprio perché consapevolmente unite in una dimensione comune. Nessuno qui suona per sé.
C’è un filo conduttore che percorre tutto l’album, un sentire collettivo, un respiro che ci ricorda che la musica è gioco, allegria, libertà, condivisione.

07_ Broken Affirmations
Il dubbio è l’inizio della saggezza. Dubium sapientiae initium. (Cartesio)

08_ Refractions
Quando il suono sta al centro, la musica si illumina e fluisce leggera e ariosa.

09_ Unknown Shores
Esploratori di terre sconosciute.
Chi scrive, nel 1993 ha formato un gruppo, insieme a Filippo Monico e Giancarlo Nino Locatelli, che negli anni della sua attività si riuniva abitualmente per indagare, praticandoli, i principali materiali costituenti l'esperienza improvvisativa. Questo gruppo si chiamava “Takla Makan”, che è il nome di un grande deserto cinese e letteralmente significa “Una volta entrati non si può tornare”.
Esattamente quello che è successo a tutti noi (sventurati) colpiti dal virus della musica improvvisata.

10_
Segui il coniglio bianco.

Massimo Falascone
Stacks Image 626
Massimo Falascone

Bordogna - 15 (Quasi) Solo Improvisations

1998, Takla Records 1
About the Music
(or how I would have answered the following questions if I had been asked)
How would you define and describe your music?
a) General features
Improvised-Structured • Simple-Complex • Regular-Irregular • Motional-Monotonous • Aromatic-Malodorous • Controlled-Uncontrollable • Noisemaking-Melodic • Transparent-Impenetrable • Patient-Impulsive • Tasteful-Disgusting • Light-Thoughtful • Composed-Improvised • Alive
b) Main criteria
Once you’ve entered, you have no chances of return
c) Aspirations
Turn away the public, the critics, women and children • Deny the importance of money • Be persecuted • Stop playing
d) Specifications
It is aware of being «that-stuff-you-don’t-understand-nothing» • It requires a lot of work but it is not a “job” • It has learnt to wait • It aims at the essential
e) Influences (and correspondences)
My beloved ones, the musicians I have been playing with and:
Bach - Buñuel - Satie - Duchamp - Cage - Webern - Braxton - Zappa - Burroughs - Josquin - Joyce - Mingus - FMP - Beatles - Simenon - Jannacci - Varèse - Jarry - Sellers - Kandinsky - Donald Duck - Dolphy - Ornette - Klee - Fo - Breton - Monk - Hitchcock - Easy Rider - Stravinsky - Céline - Reiser - Mitchell - Kubrick - Lacy - Monty Python - Woodstock - Mengelberg - Bosch - Poe - Beethoven - Dracula - Bailey - Eco - Mirò - Ionesco - Woolrich - Dada - Battisti - Matthau - Lyons - Sherlock Holmes - Coltrane - Laurel & Hardy - Frankenstein - Wilder - Kantor - Weill - Calvino - Rollins - Parker (both) - Leone - Wounded Knee - Escher - Rota - Wile Coyote - King - Ives - Man Ray - Fellini - Ellington - Mario Corso - Topor - Gould - Truffaut - AMM - Scelsi - Fuchs - Kurosawa - Carter - Dick - Totò - Berio - Dr. Jekyll & Mr. Hide - Mozart - Hal 9000 - etc...
About the CD
Some people have the firm conviction that “little tiny ideas, the kind of ideas that distress and titillate your mind, should never be ignored as they conceal the sign of destiny”. Which destiny? Hard to say. Anyway the strange idea of recording a “solitary” CD had long since started rambling in my mind - and as soon as I realized the time was ripe, I could stop no longer.
I had already decided to divide my work into two sections: 7 solo pieces and 7 overdubs.
Each of the overdubs consists of one or more improvisations, which were initially conceived and recorded as “solos” and subsequently superimposed/regenerated as the component elements of a whole unit. All of a sudden I was urged to solve some questions: i) upon improvisation it is impossible to remove the memory of the already done; ii) it is hard to decide which behaviours should be adopted in order to make sure the various parts can interweave consistently in the greatest independence, i.e. doing without listening. As a result, I thought it advisable to set the confines of the field of action by using modules or by establishing the courses, the times and the boundaries within which I would be operating - but I have never played “over” something.
The resulting improvisation counterpoints are ascribable to “chance” as well - a sort of layers made of musical “leaves” fallen from the same tree.
The presentation of the solo - pieces is far simpler as nothing has been pre - arranged in these improvisations: each piece has been played by letting it flow along the course it was bound to take.
The last piece (“live”) is a short duo with little Leonardo, who has just become five years old.
And this is it, spring/summer 1997.
I wonder whether last year I would have played the same things in the same way. And what, and how shall I play next year? Anyway, as the cow puts it, “...if things go this way, it’s because they go this way”.
It is my intention to try again in the near future: for the lunatic tribe, for some friends, for Anna and Leonardo, to speak to myself, to those who will be willing to listen.

Massimo Falascone
- - - - - - - - - - - - - - - -
Sulla musica
(ovvero come avrei risposto a queste domande se mi fossero state poste)
Come definisce e descrive la sua musica?
a) Linea generale
Improvvisata-Strutturata • Semplice-Complessa • Regolare-Irregolare • Mossa-Monotona • Aromatica-Maleodorante • Controllata-Incontrollabile • Rumoristica-Melodica • Trasparente-Impenetrabile • Paziente-Impulsiva • Saporita-Disgustosa • Lieve-Pensierosa • Composta-Improvvisata • Viva
b) Criteri principali
Una volta entrati non si può tornare
c) Aspirazioni
Allontanare pubblico e critica, donne e bambini • Negare l’importanza del denaro • Essere perseguitati • Smettere di suonare
d) Sue caratteristiche specifiche
Sa di essere «quella-roba-che-non-si-capisce-niente» • Richiede lavoro ma non è un «lavoro» • Ha imparato ad aspettare • Mira all’essenziale
e) Influenze (e riscontri)
Le persone che mi sono più care, i musicisti con cui ho suonato e poi:
Bach - Buñuel - Satie - Duchamp - Cage - Webern - Braxton - Zappa - Burroughs - Josquin - Joyce - Mingus - FMP - Beatles - Simenon - Jannacci - Varèse - Jarry - Sellers - Kandinsky - Paperino - Dolphy - Ornette - Klee - Fo - Breton - Monk - Hitchcock - Easy Rider - Stravinsky - Céline - Reiser - Mitchell - Kubrick - Lacy - Monty Python - Woodstock - Mengelberg - Bosch - Poe - Beethoven - Dracula - Bailey - Eco - Mirò - Ionesco - Woolrich - Dada - Battisti - Matthau - Lyons - Sherlock Holmes - Coltrane - Stanlio & Ollio - Frankenstein - Wilder - Kantor - Weill - Calvino - Rollins - Parker (entrambi) - Leone - Wounded Knee - Escher - Rota - Wile Coyote - King - Ives - Man Ray - Fellini - Ellington - Mario Corso - Topor - Gould - Truffaut - AMM - Scelsi - Fuchs - Kurosawa - Carter - Dick - Totò - Berio - Dr. Jekyll & Mr. Hide - Mozart - Hal9000 - ecc...
Sul CD
Ci sono persone persuase del fatto che «quando arrivano quelle piccole idee che tormentano e solleticano, non dovrebbero mai essere ignorate perché in loro si nasconde il segno del destino».
Quale destino, difficile dirlo, ma era da tempo che mi girava per la testa la strana idea di realizzare un CD “solitario” - e una volta compreso che il momento era arrivato, non è stato più possibile fermarsi.
Ormai avevo deciso di suddividere il lavoro in due sezioni: brani per strumento solo e sovraincisioni (alla fine saranno 7) ciascuna costituita da due o più improvvisazioni pensate e registrate come dei “soli” e poi sovrapposte/rigenerate come elementi costitutivi di un tutto unico.
Mi sono subito trovato ad affrontare alcune questioni: 1) l’impossibilità - nel momento dell’improvvisazione - di rimuovere il ricordo delle cose già fatte e 2) le decisioni sui comportamenti da assumere per condurre le diverse parti - nella maggiore indipendenza possibile, cioè privandosi dell’ascolto - a combinarsi coerentemente fra loro.
In quest’ottica ho ritenuto opportuno delimitare il campo d’azione servendomi in certi casi di moduli, altrove stabilendo percorsi, tempi o contorni entro cui operare - ma non ho mai suonato “sopra” qualcosa.
Ne risultano contrappunti d’improvvisazione formatisi con la complicità del caso - come strati di “foglie” musicali cadute dallo stesso albero.
Presentare i 7 brani in solo è operazione assai più semplice, trattandosi di improvvisazioni che non hanno nulla di predefinito: sono stati suonati lasciandoli scorrere, ciascuno seguendo il sentiero che doveva seguire.
L’ultimo brano (“live”) è un piccolo duo con il piccolo Leonardo a 5 anni appena compiuti.
Questo è quanto, primavera/estate ‘97.
Chissà se l’anno scorso o se tra un anno avrei suonato le stesse cose allo stesso modo: forse sì, oppure no - del resto, come dice la mucca, «se le cose vanno così è perché vanno cosi».
La mia intenzione è comunque di riprovarci tra qualche tempo: per la tribù dei matti, per certi amici, per Anna, per Leonardo, per parlare ancora un po' a me stesso, per chi vorrà ascoltare.

Massimo Falascone